Hardware:

Il laboratorio del CIRDER dispone di strumentazione hardware specifica per i seguenti settori di ricerca:

  • Caratterizzazione energetica delle biomasse:
    • bilancia analitica della Mettler Toledo, utilizzabile per determinare la densità dei fluidi qualora la di sotto dei 30°C;
    • CHN-2000 che permette di determinare il contenuto in carbonio, idrogeno ed azoto presente nel campione oggetto della misurazione. Il metodo utilizzato è ad assorbimento di infrarossi con monocromatore per Carbonio (C), Idrogeno (I) e ad alta conducibilità termica per l’Azoto (N);
    • calorimetro PARR 6200 in grado di determinare il potere calorifico superiore (PCS) dei combustibili sia solidi che liquidi. Una volta ottenuto tale valore è possibile associarlo alla misura del contenuto di idrogeno del CHN-2000, ricavando il potere calorifico inferiore (PCI) del suddetto combustibile. Il flusso termico tra le componenti interne del calorimetro viene monitorato in fase di combustione del campione, al fine di determinare il PCS;
    • sonda di pH portatile della HANNA Instruments, colelgata tipicamente ad un trasmettitore HI 8614 per la misura del grado di acidità/basicità di una soluzione. Il software per l’acquisizione ed il monitoraggio, denominato pHT (pH Tool)  è stato realizzato appositamente dai tecnici CIRDER utilizzando l’hardware ed il software della National Instruments;
    • viscosimetro capillare per determinare la viscosità cinematica dell’olio come da normativa di riferimento;
    • stufa per la disidratazione della biomassa a temperatura controllata (105±2°C). Si eseguono, come richiesto da normativa, più pesate determinando la massa del campione in funzione del tempo trascorso a quella specifica temperatura, durante il quale avviene l’evaporazione della parte acquosa in esso contenuta. Una volta raggiunta una costanza accettabile in massa tra due pesate successive, il campione si assume del tutto disidratato;
    • una pressa;
    • forno a muffola;
    • mulino a coltelli;
    • setacciatore;
    • due essiccatori;
    • reattore per prove di biometanizzazione;
    • reattore per la produzione di biofuel;
    • bruciatore alimentato a biofuel;
    • due bilance con precisione di 0,1 g e 0,1 mg.
  • Simulazione numerica:
    • workstation per il calcolo computazionale e l’analisi numerica di scenari multifisici in COMSOL Multiphysics;
  • Sistemistica di controllo e monitoraggio:
    • scheda di gestione dei segnali ed acquisizione (NI compactDAQ, NI myRIO);
    • cavi e connettori assortiti per l’interfacciamento con la maggior parte dei sensori e sonde disponibili sul mercato.

Per ulteriori informazioni, si prega di contattare direttamente lo staff del CIRDER.


Software:

  • TRNSYS: codice per le simulazioni termiche delle macro strutture;
  • CHEMCAD: codice per la simulazione dei processi chimici;
  • COMSOL: codice ad elementi finiti per l’analisi termo-strutturale;
  • SolidWorks: codice per modellazione tridimensionale di oggetti ed assiemi;
  • LighTools: codice per l’analisi, lo studio e l’ottimizzazione non sequenziale di sistemi ottici;
  • CodeV: codice per l’analisi, lo studio e l’ottimizzazione sequenziale di sistemi ottici;
  • ZEMAX EE (Optima Research): codice per lo studio e l’ottimizzazione sequenziale e non sequenziale di sistemi ottici;
  • MATLAB: codice per il calcolo numerico e l’analisi statistica.